Ricetta #16

Un filo d’olio di Simonetta Agnello Hornby // Napellini rigati al pesto povero

il libro
Un libro autobiografico, goloso e nostalgico, una storia familiare e sentimentale accompagnata da 28 grandi ricette della tradizione di casa Agnello e realizzato con l’aiuto della sorella Chiara. Questo romanzo è un ibrido tra un ricettario e un libro di ricordi suggestivi che ricostruisce la storia della loro famiglia negli anni ’50 tra sughi, spiedini, mandorle, menta, melanzane, acciughe e tanti altri ingredienti e preparazioni tipiche della tradizione gastronomica siciliana.

la ricetta
Preparare un trito, in un mixer, con: 1 bicchiere di foglie di basilico, 1 tazzina di foglie di prezzemolo, 4 foglie grandi di salvia, 1 cucchiaio di menta e 1 cucchiaio di rosmarino, una manciata di mandorle pelate, 1 spicchio d’aglio, la buccia di mezzo limone (evitando la parte bianca), 1 pomodoro piccolo intero e sale e pepe q.b. Mentre il mixer è in funzione aggiungere olio extravergine d’oliva a filo, fino ad ottenere un composto denso. Cuocere al dente la pasta (l’ideale sarebbero i napellini rigati, in alternativa i sedani rigati andranno benissimo). Mentre la pasta è in cottura aggiungere in una zuppiera un dito di acqua di cottura, un dito di olio extravergine e la metà del pesto. Mescolare tutto, aggiungere la pasta scolata al dente e versare il resto del pesto. Servire con abbondante pecorino o parmigiano grattugiato!